PER COMINCIARE! Il piacere della scoperta... oltre la medicina

image

L'argomento delle 5 Leggi biologiche in questi ultimi 20 anni e' stato esplorato da molti studiosi, e molto spesso il tentativo che ho pututo osservare leggendo libri, seguendo corsi e conferenze per molti anni, è sempre stato quello di fare una mix di queste conoscenze con "questa o quella terapia" relegando di fatto queste scoperte alla mera medicina (disciplina grazie alla quale il Dr. Hamer ha potuto fare queste scoperte).
A mio avviso, la scoperta delle 5 leggi biologiche ci offre prima di tutto una chiave, un meraviglioso strumento di lettura dei fenomeni della vita a 360° e alla portata di tutti coloro vogliono approfondire l'argomento, che fa da base a tutte le scienze.
Alla luce di questa breve riflessione risulta veramente un sacrilegio relagare alla mera medicina l'applicazione delle 5 leggi biologiche, considerando anche il fatto fondamentale che queste non sono una "alternativa" alle cure, non una cura alternativa, non rappresentano un nuovo miracoloso approccio terapeutico e tantomeno la caccia all'ennesimo farmaco che salvera' l'umanita' come spesso si vuole far credere.

Qualcuno sostiene che queste scoperte siano l'anello mancante all'evoluzionismo di Darwin ed in effetti rileggendo con "occhio biologico" l'origine della specie e altri suoi scritti, egli senza conoscere il meccanismo delle leggi biologiche era come se ne avesse gia' avuto intuizione.
In più punti per esempio Darwin riprende il concetto che "gli organi e gli istinti più complessi si siano perfezionati tramite l'accumulo di infinite, leggere variazioni, ciascuna utile al suo possessore individuale" e ancora quando dice "vi è una continua lotta per l'esistenza che porta alla conservazione di ciascuna deviazione della struttura o dell'istinto, PURCHE' UTILE".
In questi meravigliosi concetti espressi da questo grande studioso naturalista, vi si puo' leggere gia' il principio del SENSO BIOLOGICO delle variazioni indispensabili alla vita e alla sopravvivenza.
Darwin esprimeva queste considerazioni nel 1859 e le sue teorie sono state accolte dalla comunità scientifica e confermate dagli studi successivi fino ai giorni nostri.
Qualsiasi variazione, anche se lieve, qualunque ne sia l’origine, purche’ risulti in qualche grado utile ad un individuo appartenente a qualsiasi specie….contribuira’ alla conservazione di quell’individuo e, in genere, sara’ ereditata dai suoi discendenti…A questo principio, grazie al quale ogni piu’ piccola variazione, se utile, si conserva ho dato il nome di Selezione Naturale
(C. Darwin)

Last modified: Saturday, 12 July 2014, 6:30 PM